Mag 03

SPUNTINO FACILE VELOCE E DIETETICO?

Cosa mangi solitamente come spuntino? La maggior parte delle persone pensa che lo spuntino sia fondamentale per il mantenimento di una buona forma fisica ma allo stesso tempo sbaglia nel sceglierne il contenuto. Facciamo chiarezza. Lo spuntino non è indispensabile per la linea e soprattutto se si mangiano snack di scarsa qualità e alti in calorie possono diventare controproducenti. 

Ha senso fare uno spuntino solo nel caso in cui i nostri pasti non ci consentano di arrivare al pasto successivo con la necessaria tranquillità per affrontarlo; ergo arrivi a pranzo o cena che ti mangeresti anche il tavolo e tutti i commensali.

 

Se ti ritrovi nella descrizione allora devi rivedere due cose. O riprogrammi i pasti principali, in modo da mangiare a sufficienza per arrivare al pasto successivo più controllato (e meno a rischio di denuncia di scomparsa dei famigliari) o programmi uno spuntino. 

Si ma cosa mangiare? Mangia un frutto, ti diranno! Può essere una buona soluzione ma spesso può non essere sufficiente a placare la fame.

Fai attenzione ad un paio di cose:

  1. Il contenuto di zuccheri, che deve essere limitato, perché nei nostri fabbisogni giornalieri solo il 10% del totale è attribuibile a zuccheri e per raggiungerlo è un attimo e sicuramente ci arrivate dopo 15 minuti dal vostro risveglio (so benissimo cosa vi mangiate a colazione) 
  2. Il secondo aspetto da considerare è il contenuto calorico che non deve essere troppo alto!

Si perché davvero il panorama degli snack è quasi infinito ma trovare qualcosa che risponda a questi parametri e allo stesso tempo soddisfi la fame e la voglia di qualcosa di buono è davvero molto, molto difficile. D’altronde a qualcosa serviranno i nutrizionisti.

Se vuoi spunti su spuntini sani segui i miei profili social!

Lisa Lasagna

L’autore del blog

Sono Lisa, Biologa Nutrizionista, iscritta all’Ordine Nazionale dei Biologi, dopo la laurea specialistica in Biotecnologie per la Salute, ho conseguito un Dottorato di Ricerca in Scienze della Prevenzione, il massimo grado di formazione universitaria che si possa ottenere.