Controcorrente Sport Viadana
Set 14

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO

siamo quello che mangiamo

Nemmeno durante i miei studi il messaggio era stato così forte, e spessissimo molti medici che si occupano di salute affermano il contrario. Ma gli studi scientifici stanno in realtà sempre più dimostrando che il cibo che ingeriamo agisce a moltissimi livelli sul nostro organismo, sull’intestino, sul cervello e di conseguenza sull’umore, sulla pelle, sulle allergie, sullo stomaco e così via.

Alcune patologie, addirittura, si stanno mostrando sempre più spesso influenzate dai cibi che introduciamo, non solo perché alcuni cibi se consumati in modo scorretto possono portare ad aumento di peso e obesità, ma proprio perché alcuni loro componenti possono interagire al livello cellulare e a livello molecolare con i nostri sistemi, organi e apparati o addirittura con le risposte immunitarie.

Questo non significa che l’alimentazione può guarire le malattie perché spesso le malattie sono causate da più fattori. Ma l’alimentazione in molti casi può diminuire l’infiammazione,  e mitigare la risposta immunitaria fuori controllo, portando così a diminuzione dell’infiammazione e al drastico calo dei sintomi tanto fastidiosi. E’ il caso di patologie come ipotiroidismo, psoriasi, dermatite, sindrome del colon irritabile, gastrite, ernia iatale, dermatiti, allergie, fibromialgia, artriti reumatoidi e molte altre, specialmente a base infiammatoria e immunitaria.

La corretta alimentazione, per quanto ci ha, sino ad ora, insegnato la scienza e in futuro ci insegnerà sempre di più, è fondamentale nell’affiancarsi alle terapie mediche che ovviamente non devono mai essere messe da parte senza il consiglio del medico. Ma in prima persona sposso affermare di essere riuscita spesso a ottenere un miglioramento dei sintomi di molte delle patologie indicate poco fa, in pazienti e persone che, in cura da anni e in cerca di una risposta che non riuscivano ad ottenere con il solo intervento farmacologico.

Questo mi da grande soddisfazione e speranza e per questo vi dico di non smettere mai di sperare e di cercare un bravo professionista della salute che vi sappia ascoltare o offrire quanto di meglio la ricerca scientifica ha a disposizione, affiancando medicina, farmacologia, stile di vita e nutrizione. La scienza si evolve continuamente e questo è un bene per tutti! 

1. Ludwig Feuerbach. Il mistero del sacrificio o l’uomo è ciò che mangia, 1862.

Lisa Lasagna

L’autore del blog

Sono Lisa, Biologa Nutrizionista, iscritta all’Ordine Nazionale dei Biologi, dopo la laurea specialistica in Biotecnologie per la Salute, ho conseguito un Dottorato di Ricerca in Scienze della Prevenzione, il massimo grado di formazione universitaria che si possa ottenere.
Controcorrente Sport Viadana