Gen 22

ALIMENTAZIONE ED INTEGRAZIONE PER LO SPORT

Nell’ultimo decennio lo studio dell’alimentazione nello sport ha fatto notevoli passi in avanti. Ormai è consolidato il fatto che un’adeguata e corretta alimentazione è di fondamentale importanza per lo coloro che praticano attività fisica sia professionistica che amatoriale. L’allenamento, pur se impostato in modo ottimale, in assenza di alimentazione personalizzata sul singolo individuo, non è sufficiente a garantire prestazioni ottimali, compromettendo così il miglioramento della performance e lo stato di salute dello sportivo.Il lavoro del nutrizionista sportivo è, quindi, di fondamentale importanza e deve affiancare sempre il preparatore e l’atleta nel corso della stagione in funzione di molti aspetti, come le fasi della preparazione, la gestione della gara e il clima di svolgimento della prestazione.  Un valido nutrizionista sa tenere conto degli impegni extra-sportivi dell’atleta stesso, che spesso oggi possiede una famiglia ed un lavoro a tempo pieno.

Per far fronte all’attività sportiva regolare molti atleti non professionisti sottraggono tempo all’alimentazione. Questo comportamento può essere sostenuto per periodi limitati di tempo, poiché una inadeguata organizzazione e gestione dei pasti può portare facilmente a malnutrizione, la quale influisce, oltre che sulla performance sportiva, sulla salute dell’atleta, che di conseguenza può ritrovarsi sovra-allenato, affaticato, e incorrere più frequentemente in infortuni.

Come nutrizionista sono in grado di aiutare lo sportivo agonista e amatore a impostare una corretta alimentazione, ad organizzare i pasti in modo adeguato, per il mantenimento della salute e l’ottimizzazione delle prestazioni sportive.

Come Nutrizionista certificato dalla International Society of Sport Nutrition posso anche fornire indicazioni sul corretto modo di integrare, valutando caso per caso le singole esigenze.

 

 

Lisa Lasagna

L’autore del blog

Sono Lisa, Biologa Nutrizionista, iscritta all’Ordine Nazionale dei Biologi, dopo la laurea specialistica in Biotecnologie per la Salute, ho conseguito un Dottorato di Ricerca in Scienze della Prevenzione, il massimo grado di formazione universitaria che si possa ottenere.