Controcorrente Sport Viadana
Mar 25

10 REGOLE FONDAMENTALI PER L’ALIMENTAZIONE DI TUO FIGLIO

Siamo tutti quanti cresciuti al motto: “mangia così diventi grande!” Generazioni di bambini a cui è stato insegnato che mangiare fa bene e saltare i pasti è deleterio e  pericoloso per la salute. Mangiare quindi fa bene? Dipende! Mangiare significa introdurre cibo nel nostro organismo. Il cibo chiaramente è fondamentale per la nostra sopravvivenza. Il motto è stato tramandato di generazione in generazione finchè non si è incappati nell’era dello sviluppo e del benessere in cui non vi è più carenza di cibo a tal punto da avere un’offerta di cibo illimitata a poco prezzo e  facilmente reperibile, ma spesso in eccesso e di dubbia qualità.

Ai bambini,  d’altra parte, si continua a dire “mangia così diventi grande” ma il cibo che si tende ad introdurre è di scarso valore nutrizionale, colmo di ingredienti inutili o addirittura dannosi per la salute. Speso si spingono i bambini a mangiare quando non è il momento. Un caso tipico che osservo è di vedere negli spogliatoi delle piscine bambini che mangiano merendine, crackers o biscotti dopo solo 50 minuti di scuola nuoto, magari subito prima di cena. Mangiare in questo senso, non fa bene, fa male. Porta ad introdurre cibo inutile e dannoso e allo stesso tempo ad allontanare i bambini dal cibo che farebbe loro molto meglio come frutta e verdura. 

Dovremmo insegnare ai bambini a nutrirsi. Nutrirsi infatti significa fornire l’organismo di tutto ciò di cui ha necessità. Il nuovo motto dovrebbe essere “Nutriti così diventi forte e sano!”

Quanti di voi lo fanno? Chi fornisce ai propri figli il corretto nutrimento? La maggior parte delle persone pensa ancora a riempire la pancia dei figli, senza pensare a cosa di dannoso potrebbe aver loro dato. Basta che il bambino mangi e sono a posto con la coscienza. Se vi ritrovate in questo descrizione state sbagliando qualcosa:  la pancia deve essere piena, ma di tanto in tanto deve anche essere vuota per poter così apprezzare cibi semplici e e sani come la natura ci ha dato. Come pensate che vostro figlio accetti un minestrone di verdura se un’ora prima ha mangiato una merendina o se sa che se non mangia quello che gli cucinate gli darete comunque quello che vuole?

Ecco quindi alcune regole per i genitori che vogliono far si che i propri figli crescano forti e sani, vale a dire per imparare a nutrire i propri figli:

1. stabilire pasti regolari senza spuntini extra: si devono consumare colazione pranzo e cena, con un solo spuntino a metà mattina e una merenda al pomeriggio, avendo cura di evitare merendine e snack di tipo industriale di qualsiasi genere.

2. la verdura non deve mai mancare. Se il bambino la rifiuta, cucinatela, nascondetela, tritatela. Non arrendetevi ai capricci, siate coerenti e forti. Siate fermi ma non arrabbiatevi, tenete presente che possono volerci anche 15 esposizioni prima che un alimento nuovo venga accettato quindi non demordete e armatevi di pazienza.

3. Evitate cibi spazzatura, prodotti industriali, cibi precotti e preconfezionati. Sono alimenti che non nutrono, fanno male  e creano dipendenza (leggete qui l’articolo sul cibo che ci intrappola

4. Non usate il cibo come strumento per premiare o punire. Non promettete perciò un dolce se il bambino fa il bravo o viceversa un cibo che non gradisce se è stato cattivo perché finirà con il fare associazioni non corrette.

5. Mangiate a tavola con i vostri bambini, il pasto deve essere un momento per riunire insieme tutta la famiglia

6. Date il buon esempio: i bambini sono propensi a ripetere i comportamenti dei genitori, quindi voi stessi dovete essere i primi a nutrirvi correttamente. Ecco un articolo sui possibili errori che state facendo in buona fede.

7. Fornire porzioni adeguate all’età; se il piatto è troppo grande si potrebbe  scoraggiare in partenza un bambino che mangia poco e viceversa.

8. Non mangiare con la tv accesa, non permette di porre attenzione su ciò che si mangia e di parlare con le persone con cui siamo a tavola, inoltre mangiare con la tv accesa porta inevitabilmente a introdurre più cibo del dovuto.

9. Insegnate ai vostri figli a conoscere il senso del gusto: ricordate che il gusto si impara e per farlo dovete far partecipare vostro figlio alla preparazione, alla spesa, spronandolo a descrivere i sapori, gli odori e i colori.

10. Fate si che il momento del pasto sia un momento gioioso per tutta la famiglia e non fonte di ansia e rabbia. Tenete presente che mangiare sano e con gusto è possibile ed facilissimo! Ecco un articolo sul mangiare sano.

Ricordate che i genitori sono fondamentali nell’influenzare lo stile alimentare dei figli e lo possono fare supportandoli, sostenendoli, organizzando l’ambiente in cui i bambini mangiano e monitorando e controllando comportamenti scorretti. Educate voi stessi e i vostri figli ad una sana alimentazione, non all’alimentazione incontrollata, e ne otterrete tanta salute e serenità.

Lisa Lasagna

L’autore del blog

Sono Lisa, Biologa Nutrizionista, iscritta all’Ordine Nazionale dei Biologi, dopo la laurea specialistica in Biotecnologie per la Salute, ho conseguito un Dottorato di Ricerca in Scienze della Prevenzione, il massimo grado di formazione universitaria che si possa ottenere.
Controcorrente Sport Viadana